Connected World

The Social Network

Connected WorldQuesto blog è fondamentalmente una costola di Storie del Vino, quindi è anche una mia costola. 

Nasce per unire l’altra mia passione, nata ben prima di quella enoica, ossia la passione per il Web

Ho iniziato a collegarmi con altre persone, ed altri computer, quando ancora la Rete come la conosciamo oggi non esisteva, Internet era di là da venire e praticamente nessuno aveva un computer in casa.

Dal 1969 in poi

Io mi connettevo con altri computer usando le BBS, ossia Bullettin Board System; in pratica, grazie ad un modem ed una linea telefonica, si componeva il numero di telefono a cui era collegato il computer remoto, dove si trovavano i files, programmi e documentazione soprattutto, che interessavano. Pian piano furono distribuiti programmi che consentivano la chat, via riga di comando, come ad esempio MIRC. 

La prima rete di computer privati era chiamata FidoNet (1984), una serie di pc collegati tra loro via rete telefonica che condividevano i dati in modo che gli utenti trovassero tutti gli stessi documenti. C’era ancora molto di analogico, tipicamente la rete telefonica, ed il digitale era soltanto allo studio. I modem si attivavano con un fischio ad 2600 Hz.

Precedentemente era stata costruita Arpanet (1969), collegando insieme quattro università: Santa Barbara, Los Angeles, Stanford e l’università dello Utah. La posta elettronica è del 1971, le emoticon del 1979, il primo virus (accidentale) del 1980.

Nel 1991 fu inventato da Tim Berners-Lee il protocollo http, cioè l’insieme delle regole che usano computer ed altri apparati per parlare tra di loro; il primo browser (Mosaic) è del ’93 e lo stesso anno il CERN di Ginevra, dove lavorava Berners-Lee, decise di rendere pubblico il software. Nacque così il Web, o meglio il WWW, World Wide Web. Con la connessione di server e computer in rete, nacque Internet.

La storia l’ho fatta breve, naturalmente. Le date che leggiamo, però, ci fanno capire che la Rete di oggi, che funziona sostanzialmente sullo stesso modello e con gli stessi protocolli di vent’anni fa, è qualcosa di relativamente giovane, eppure condiziona così pesantemente la nostra vita, sociale, commerciale, lavorativa.

Abbiamo avuto modo di imparare come usarla? Non tutti, certo. Siamo ancora così ancorati al mondo analogico (soprattutto i nati nel decennio 1960-1970), che a volte il nostro modo di pensare è limitato, per le potenzialità di Internet.

Un errore che però non dobbiamo fare è quello di combattere la Rete: non si può vincere. I modelli di pensiero e soprattutto di commercio legati agli anni ’80 sono ormai da buttare, e non serve tentare di mettere un freno a questo sviluppo, è semplicemente impossibile. Ma se riusciamo a capire come funziona questo mondo, potremmo trarne vantaggio anziché esserne stritolati.

Questo blog è dedicato in particolare a produttori ed operatori del vino, ma ovviamente può essere letto, spero con profitto, da chiunque. 

Ci saranno articoli che parlano della storia pionieristica della Rete e news riprese da altri siti con le evoluzioni nell’uso di Internet, nuove piattaforme di condivisione ed opportunità di fare business.

Spero che vi piaccia, e soprattutto che lo troviate utile. Consideratelo un aggregatore di notizie del web e ricordate che la grande forza di Internet è la condivisione delle informazioni., in pieno spirito Open Source.

Nessun bit è stato maltrattato per scrivere questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *